I media prima della scuola

La socializzazione mediale in età prescolare si configura come un fenomeno crescente che coinvolge, ad intensità differenti e secondo diverse modalità bambini a partire dal primo anno di età.

Da qui deriva l’interesse e l’esigenza dell’Osservatorio Mediamonitor Minori di approfondire questa relazione attraverso ricerche più mirate sulla mediatizzazione in teà prescolare e attraverso una riflessione multidisciplinare che coinvolga altri settori scientifico disciplinari, quali la pedagogia, la psicologia, le neuro scienze e l’ingegneria.

Nello specifico, l’Osservatorio MediaMonitor Minori e il Dipartimento di Comunicazione e ricerca sociale della Sapienza partecipano al progetto INF@NZIA DIGI.Tales 3.6 - Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007-2013, orientato su questa tematica.

Scarica un estratto del Progetto esecutivo INF@NZIA DIGI.tales 3.6

Tale progetto, rifacendosi ai principi dell’attivismo pedagogico e delle “scuole nuove” e unitamente avvalendosi della più recente riscoperta del pensiero montessoriano e munariano, sino agli attuali orientamenti pedagogici per la scuola dell’infanzia, intende mettere insieme cognizione e pratiche psico-pedagogiche che valorizzino il potenziale delle nuove tecnologie e si pongano a sostegno delle finalità di identità, autonomia e competenza, affidate all’educazione pre-scolare.

Nel “cuore pedagogico” del progetto, che ha nel bambino-allievo il proprio protagonista, si innestano una serie di obiettivi-corollario che intendono far leva sulle più ampie opportunità che l’ICT mette a disposizione al fine di rendere più efficace la fruibilità dei percorsi formativi e di facilitare i docenti nella verifica dei progressi dei discenti, nonché nel costruire nuovi scenari educativi impensabili senza l’uso delle capacità computazionali distribuite in un ambiente intelligente.

Recuperando la dimensione pratico-esperienziale di Munari (“mani in pasta”), l’intento primario del progetto è quello di sperimentare le potenzialità del multimediale applicate al design di attività didattiche inedite, tali, al contempo, da recuperare i principi dell’esplorazione spontanea o guidata, il ruolo centrale del tatto e della manipolazione, il coinvolgimento dei sensi durante il percorso di scoperta, alla base della programmazione didattica per i più piccoli.

Gruppo di Ricerca del Dipartimento CoRiS

Maria Stella Agnoli, Mirzia Bianca, Ida Cortoni, Mihaela Gavrila, Luca Giuliano, Bruno Mazzara, Alessandro Mei (Dipartimento di Informatica, coordinatore di uno specifico gruppo di lavoro), Raffaella Messinetti, Paola Panarese, Christian Ruggiero, Monika Bukat, Donatella Cannizzo, Claudia D’Antoni, Serena Gennaro, Chiara Landi, Veronica Lo Presti, Simone Mulargia, Carmine Piscopo, Laura Serranti, Leyla Vahedi.